Dal 4 maggio giocano i 1° e 2° categoria. Si, ma dove?

0
Questo articolo è presentato da:

Così il titolo dal sito FIT nazionale: “DAL 4 MAGGIO I PRIMA E SECONDA CATEGORIA DI TENNIS, PADEL E BEACH TENNIS SI POSSONO ALLENARE“.

Ok la notizia è chiara e arriva dal sito ufficiale. Qualche dubbio però rimane. Lasciamo stare che prima si parlava di 120/130 giocatori in Italia ma ora saremo più di 4000. Lasciamo stare che la maggior parte dei seconda sono nel nord Italia, e cioè la zona più colpita in assoluto.

Ma il dubbio più consistente arriva dal fatto di sapere dove questi giocatori si potranno allenare. Quali saranno i circoli che potranno concedere il privilegio ad esempio dell’utilizzo del campo a due seconda categoria?

Del maestro di tennis in qualche modo viene automatico pensare che si possa utilizzare. In fin dei conti se un seconda si vuole allenare. Ma può uscire per lavoro un maestro da lunedì?

Circolo a porte chiuse. Dovrebbe voler dire che due giocatori abbiano la possibilità di aprire la porta del circolo ed entrare in campo. PUNTO.

Naturalmente prima di tutto il circolo deve essere in ordine con la sanificazione (con prodotti certificati) e tutto il decalogo:

Ci sarà però la convenienza di mettersi in regola da subito?

Immaginiamo ad esempio il caso di giocatori che non trovino la possibilità di giocare nel proprio circolo. Cosa faranno? Potranno allenarsi in altri luoghi anche se ufficialmente chiusi?

Chiaramente noi tutti siamo entusiasti dell’inaspettato via libera fino ai 2.8 (anche se qualche 3.1 storcerà il naso). Ma ci chiediamo se forse non si sarebbe potuto pensare prima di aprire i circoli, visto che un recente articolo (RISCHIO VIRUS? IL TENNIS TENDE A ZERO. IL REPORT DEL POLITECNICO) ha parlato dello sport del tennis come la disciplina più sicura al pari della ginnastica artistica, piuttosto che dare il via libera solo ad alcuni giocatori.

La casistica dei circoli che daranno la possibilità di giocare sarà molto individuale. Nei commenti invitiamo i circoli e i maestri, se vorranno, di far sapere la loro opinione e disponibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here